“Una gestione della città che coinvolga tutti, senza lasciare indietro nessuno”

Anche il candidato a sindaco, Massimo Olivetti, risponde all’invito degli “Amici disabili”. Lo fa con questo intervento:

“Costruire un futuro per tutti è possibile?

“La domanda smuove le coscienze e pone difronte ad una sfida profonda; sfida alla quale chi amministra la cosa pubblica, non può sottrarsi.

“Fin dal momento in cui ho accettato la candidatura a sindaco, assieme alle forze politiche e quindi a tutti i candidati al Consiglio comunale che mi sostengono in questa tornata elettorale, ho espressamente detto che la filosofia alla base della nostra proposta di governo si fonda su due principi: una politica non più incentrata sull’ “io” ma sul “noi” ed un programma semplice, con pochi punti, ma che siano realizzabili.

“Il progetto che abbiamo concepito e che sottoponiamo al giudizio dei cittadini è dunque una gestione della città che coinvolga tutti, senza lasciare indietro nessuno; una gestione basata su concreti punti programmatici, che riguardano anche e soprattutto la disabilità.

“Per questo, dopo aver esaminato con grande attenzione il manifesto per la disabilità intitolato “Costruire un futuro per tutti è possibile?”, redatto  dalla Associazione “Amici disabili”, confermo la mia piena adesione e sostegno; una condivisione anche da parte di tutti i candidati delle liste che mi appoggiano, ad ogni punto contenuto nel manifesto.

“Se avremo la responsabilità di amministrare, sarà nostra premure e cura porre attenzione alle proposte e richieste che arriveranno dal mondo associativo.

“Aggiungo che nella nostra coalizione ci siamo anche prefissi un traguardo importante: far eleggere in Consiglio comunale alcuni candidati con disabilità, che si sono dichiarati disponibili a presentarsi nelle nostre liste, per portare la loro esperienza nel dibattito politico cittadino.

“Il nostro progetto  si può sintetizzare nello slogan “Costruire con tutti un futuro per tutti”.